Auguste Kerckhoffs

Auguste Kerckhoffs [19 gennaio 1835 – 9 agosto 1903] fu un linguista ed un crittografo dilettante olandese che visse insegnando il tedesco alla École des Hautes Études Commerciales a Parigi e all'École Arago.
Dal 1835 in poi si interessò al Volapük, una lingua internazionale creata dal tedesco Johann Martin Schleyer. Ma estremamente importanti sono i suoi contributi alla crittologia. Nel suo saggio del 1883 «La cryptographie militaire» egli espone i principi che costituiscono ancor oggi un punto di riferimento di tale scienza ed arte.
Kerckhoffs enuncia le caratteristiche che deve possedere un sistema crittografico che voglia assicurare confidenzialità alle telecomunicazioni:
1. Il sistema deve essere materialmente, se non matematicamente, indecifrabile.
2. Non deve fare affidamento sulla segretezza, tanto da poter cadere impunemente nelle mani del nemico.
3. La chiave deve poter essere memorizzata e comunicata senza l'ausilio di note scritte ed essere cambiata o modificata a discrezione dei corrispondenti.
4. Deve potersi applicare alla corrispondenza telegrafica.
5. Deve essere portatile ed il suo azionamento ed il suo maneggiamento non richiedano il concorso di molte persone.
6. Infine, è necessario, date le circostanze che ne richiedono l'uso, che il sistema sia facile da usarsi, non richiedendo sforzi intellettivi né la conoscenza di molte regole da rispettare.

Auguste Kerckhoffs: La cryptographie militaire, Journal des sciences militaires, vol IX, p. 5-38, janvier 1883, p. 161-191, février 1883.